Festival della Letteratura 2014

Il festival della letteratura di Mantova ritorna da mercoledì 3 a domenica 7 settembre, diciottesima edizione.

Sintesi tratta dal sito ufficiale del Festivaletteratura, a breve riprenderemo la nostra attività di informazione. Il Festival della Letteratura di Mantova compie diciottoanni e raggiunge la maggiore età.

“Come suggerisce Jonathan Gottschall, atteso ospite di quest’anno, “la specie umana non sa resistere al richiamo della narrazione”: ed è proprio il piacere del racconto a far muovere Festivaletteratura. Il primo evento pubblico, nell’ormai lontano 1997, non è stato altro che questo: la messa in scena – laboratoriale, partecipata, aperta – di un’idea, portata in piazza per trovare ascolto, corrispondenze, contraddizioni”.

Festival 2013

“Tornano anche gli appuntamenti annuali attesi dal pubblico come il Vocabolario europeo e le Lavagne. Il programma delle lavagne comprende dimostrazioni e ragionamenti intorno a linguistica, biologia, chimica, fisica, architettura, psicologia e psicoanalisi, con Carol Gilligan – una delle fondatrici del pensiero della differenza – e lo psichiatra statunitense Frances Allen”.

“Dalla riflessione sulle conseguenze dell’era digitale sull’informazione nasce il nuovo progetto Meglio di un romanzo dedicato a progetti di giornalismo narrativo. Il Festival farà conoscere al pubblico alcuni dei migliori giornalisti-narratori italiani e stranieri oggi attivi sul web o sulla carta stampata, e inviterà giovani aspiranti giornalisti a cimentarsi con questo tipo di scrittura attraverso un call for papers – Meglio di un romanzo (in bozze) in cui saranno selezionati alcuni progetti di lavoro che diventeranno oggetto di pitching durante il Festival”.

“Sarà una vera e propria biblioteca da favola quella aperta quest’anno all’Atrio degli Arcieri in collaborazione con i sistemi bibliotecari del territorio. In oltre trecento volumi – che il pubblico potrà consultare in cartaceo o in scansione digitale – sarà concentrato il meglio della favolistica d’autore del Novecento, un patrimonio pressoché dimenticato in cui si nascondono autentici gioielli, opera dei più grandi scrittori e illustratori italiani del secolo scorso. Nell’antistante giardino di Piazza Lega Lombarda, in vari momenti della giornata, i volontari della Compagnia della Lettura interpreteranno alcune fiabe di questo straordinario repertorio”.