Günter Wallraff

Günter Wallraff

Günter Wallraff è un’icona del giornalismo internazionale, celebre per il suo impegno politico e per le sue inchieste nei più disparati ambienti sociali. Nato nel 1942 a Burscheid, in Renania, nel cuore di uno dei più importanti distretti industriali e minerari tedeschi, dopo il diploma intraprende la formazione come libraio, conclusasi nel 1962. In seguito lavora come operaio in varie industrie metallurgiche ed estrattive. Dal reiterato contatto con le asprezze e le ingiustizie del mondo del lavoro, nel 1966 nasce una prima serie di reportage, “Wir brauchen dich. Als Arbeiter in deutschen Industriebetrieben”, a cui fa seguito, nel 1969, la raccolta dal titolo “13 unerwünschte Reportagen” (“Tredici reportage scomodi”). Il suo principio investigativo consiste nell’esperire in prima persona la realtà che intende mettere in luce, lavorando il più possibile sotto copertura. Il metodo diventa talmente popolare che il Dizionario dell’Accademia di Svezia introduce tra le proprie voci il lemma «wallraffa», proprio con il significato di «condurre un’inchiesta giornalistica sotto falsa identità». Nel corso degli anni Settanta firma popolarissimi reportage sui senza tetto, sugli immigrati e gli extracomunitari, fino all’inchiesta-scandalo sui metodi giornalistici praticati dalla “Bild Zeitung”, uno dei quotidiani più letti della Germania. Nel 1985 mette a segno un altro servizio epocale spacciandosi per Ali, un operaio turco dell’industria pensante, e denunciando i soprusi subiti dai lavoratori immigrati (“Faccia da turco”). Nei decenni successivi seguono ulteriori inchieste, sia in patria che all’estero. “Germania anni Dieci” raccoglie alcuni dei suoi ultimi contributi dedicati al tema del lavoro.

Bibliografia

“Faccia da turco. Un ‘infiltrato speciale’ nell’inferno degli immigrati”, Pironti, 1986
“Notizie dal migliore dei mondi. Una faccia sotto copertura”, L’orma editore 2012
“Germania anni Dieci. Faccia a faccia con il mondo del lavoro”, L’orma editore, 2013 (in uscita)

Sito ufficiale 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>