Stefano Rodotà

Stefano Rodotà

Stefano Rodotà si è laureato in Giurisprudenza all’Università La Sapienza. La sua attività si divide tra la politica e il mondo accademico. È stato professore ordinario di Diritto civile nelle università di Macerata, Genova e Roma e ha collaborato con diversi istituti universitari internazionali, tra i quali la All Souls College di Oxford, la Stanford School of Law e la Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Eletto deputato parlamentare dal 1979 al 1994, prima nelle liste del Pci come indipendente e poi in quelle del Pds, si è occupato in prevalenza di problemi istituzionali, facendo parte nel 1979, nel 1983 e nel 1987 delle Commissioni Bicamerali per gli Affari Costituzionali e le Riforme. Nel 1994, al termine di una legislatura durata solo due anni, decide di tornare all’insegnamento, pur non cessando di interessarsi a temi politicamente rilevanti come la difesa della privacy: dal 1997 al 2005 in qualità di Presidente dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali; dal 1998 al 2002, in ambito europeo, presiedendo il Gruppo di coordinamento dei Garanti per il diritto alla riservatezza dell’Unione Europea. Fondamentale anche il suo contributo nella valutazione dell’impatto delle nuove tecnologie in campo medico, in particolare per quanto concerne la regolamentazione dell’eutanasia: a questo proposito è socio onorario dell’associazione LiberaUscita, che ne sostiene la depenalizzazione, e figura tra gli autori della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea. Protagonista del dibattito politico e culturale italiano degli ultimi anni, è anche direttore di due importanti riviste di settore quali “Politica del diritto” e “Rivista critica del diritto privato”, nonché direttore scientifico del Festival del Diritto di Piacenza.

Bibliografia 
“Il problema della responsabilità civile”, Giuffre, 1961
“Le fonti di integrazione del contratto”, Giuffre, 1964 (2004)
“Ideologie e tecniche della riforma del diritto civile”, Vallardi, 1967 (Editoriale Scientifica, 2007)
“Il diritto privato nella società moderna”, a cura di Stefano Rodotà, Il Mulino, 1971 (1977)
“Elaboratori elettronici e controllo sociale”, Il Mulino, 1973
“Alla ricerca delle libertà”, Il Mulino, 1978
“Il terribile diritto. Studi sulla proprietà privata”, Il Mulino, 1990 (2013)
“Tecnologie e diritti”, Il Mulino, 1995 (1999)
“Libertà e diritti in Italia dall’Unità ai giorni nostri”, Donzelli, 1997
“Repertorio di fine secolo”, Laterza, 1992 (1999)
“La privacy negli enti locali”, con Biasia Giuseppe e Cherchi Antonello, Il Sole 24 Ore, 2001
“Tecnopolitica. La democrazia e le nuove tecnologie della comunicazione”, Laterza, 1997 (2004)
“Intervista su privacy e libertà”, Laterza, 2005
“La vita e le regole. Tra diritto e non diritto”, Feltrinelli, 2006 (2009)”
“Dal soggetto alla persona”, Editoriale Scientifica, 2007
“Perché laico”, Laterza, 2009 (2010)
“Che cos’é il corpo”, Luca Sossella Editore, 2010
“Trattato di biodiritto”, a cura di Stefano Rodotà, Paolo Zatti e Rosario Ferrara, Giuffrè, 2010-2012
“Elogio del moralismo”, Laterza, 2011 (2013)
“Diritto e libertà nella storia d’Italia. Conquiste e conflitti 1861-2011″, Donzelli, 2011
“Il diritto di avere diritti”, Laterza, 2012
“La rivoluzione della dignità”, La scuola di Pitagora, 2013

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>