Massimiliano Tappari

Massimiliano Tappari

Massimiliano Tappari, nato nel 1967 a Chivasso (To), è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Ha scritto e illustrato libri usando le fotocopie delle chiavi di casa e fotografando la superficie di una caffettiera. Ha scoperto che il becco d’oca è una Tour Eiffel in miniatura e che i lavandini producono versi. Lettore dello spazio, idea progetti per stimolare i bambini a usare la creatività e a cogliere il lato fantastico della vita quotidiana e dell’ambiente circostante. Da anni conduce workshop di stupore a km zero presso scuole, biblioteche, musei e festival. Racconta storie stravaganti con semplici oggetti attraverso una videocamera che si fa microscopio. Mostre delle sue opere sono state ospitate alla Casina di Raffaello a Roma, alla Fondazione Remotti di Camogli (nell’ambito del Premio Skiaffino) e al PAN – Palazzo delle Arti Napoli.

 

Bibliografia
“Lettere dal bosco”, Macchione, 2002
“Parole chiave”, Despina, 2003
“Il burocrate innamorato dei cuori”, con Barbara Gentile, Abs Fab, 2004
“Coffee Break”, Despina, 2006 (Corraini, 2013)
“Oooh! Inventario di fotografia”, Corraini, 2008
“Gli occhi degli alberi”, con Chicca Gagliardo, Ponte alle Grazie, 2010
“Parto”, con Chiara Carminati, Francesco Cosimo Panini, 2013

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>