Luca Rastello

Luca Rastello

Luca Rastello è nato nel 1961 a Torino, dove risiede tuttora. Laureatosi in Filosofia all’università cittadina, è stato per diversi anni redattore della rivista “L’Indice dei Libri del Mese”, di cui è diventato anni dopo direttore. Nel 1993 ha fondato il Comitato accoglienza profughi ex Jugoslavia di Torino. Dal 1993 al 1997 ha collaborato insieme al Gruppo Abele e all’Italian Consortium of Solidarity in ex-Jugoslavia e, nel 1998, ha pubblicato “La guerra in casa”, un racconto-reportage sulle contraddizioni della cooperazione internazionale nelle guerre jugoslave degli anni Novanta (definito da Roberto Saviano «il più bel libro sulla bestialità umana»). Ha anche diretto la rivista “Narcomafie” e ha lavorato come inviato per il settimanale “Diario”. Il fulcro della sua crescita civile e professionale è la Bosnia Erzegovina, che Rastello ha percorso come giornalista freelance e come volontario, ma ha viaggiato e lavorato anche nei Balcani, nel Caucaso, in Asia centrale, Africa e Sudamerica. Nel 2010 pubblica “La frontiera addosso. Così si deportano i diritti umani”, affrontando il tema dei diritti (calpestati) dei rifugiati; è poi la volta del saggio “Democrazia. Cosa può fare uno scrittore?”, scritto a quattro mani con Antonio Pascale, e dell’acclamato reportage “Binario morto. Lisbona-Kiev”, firmato insieme ad Andrea De Benedetti e frutto di un viaggio lungo le tratte (incompiute) dell’Alta velocità.

Bibliografia 

“La guerra in casa”, Einaudi, 1998
“Piove all’insù”, Bollati Boringhieri, 2006
“Io sono il mercato”, Chiarelettere, 2009
“Undici buone ragioni per una pausa”, Bollati Boringhieri, 2009
“La frontiera addosso. Così si deportano i diritti umani”, Laterza, 2010
“Dizionario per un lavoro da matti”, con Michele D’Ignazio e altri, L’Ancora del Mediterraneo, 2010
“Democrazia. Cosa può fare uno scrittore?”, con Antonio Pascale, Codice, 2011
“Binario morto. Lisbona-Kiev. Alla scoperta del Corridoio 5 e dell’alta velocità che non c’è”, Chiarelettere, 2013

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>