Adalberto Scemma

Nato a Mantova nel 1942, ha seguito come inviato speciale tutti i grandi avvenimenti sportivi, dai Campionati del mondo alle Olimpiadi. Ha vinto il Premio Carlin per i migliori servizi realizzati sul Mondiale di Mexico ’86. Ha ricoperto l’incarico di addetto stampa ai Mondiali di Italia ’90 ed è stato consulente della Federcalcio giapponese per l’organizzazione del Mondiale 2002. Come giornalista ha lavorato per i quotidiani “Il Resto del Carlino” e “Gazzetta di Mantova”. È stato inviato speciale de “L’Arena” di Verona (1970-1990), realizzando inchieste di cronaca nera, di economia e di costume e curando la rubrica di arte e le pagine culturali. Ha poi diretto il settimanale “Verona Sette” e il mensile “Veneto Sette”. Attualmente è articolista del “Corriere dello Sport-Stadio”, collabora a “La Repubblica” e al “Guerin Sportivo” e cura rubriche di sport e costume per l’emittente tedesca Wdr, per varie testate internazionali (“World Soccer Digest”) e per emittenti televisive giapponesi. In Rai è stato consulente della Tv dei Ragazzi, sceneggiatore di “Ultimo minuto” e opinionista sportivo di Radio Rai. Tra i libri da segnalare “La storia del Verona”, finalista al Bancarella Sport 1978, e “Calciatori. Non sono pallosi”, scritto nel 2001 con Maurizio Iorio. Dirige la collana “Quaderni dell’Arcimatto – studi e testimonianze per Gianni Brera” e insegna Giornalismo Sportivo all’Università di Verona.

 

Bibliografia
“La storia del Verona”, con Luigi Bertoldi, Nuova STEI, 1978
“L’archipiero”, a cura di Ferdinando Albertazzi, Garzanti, 1984
“La favola del lago”, con Ferdinando Albertazzi, A. Vallardi, 1985
“Calciatori. Non sono pallosi”, con Maurizio Iorio, Sonda, 2001

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>