Giacomo Marramao

Giacomo Marramao

Giacomo Marramao è nato a Catanzaro nel 1946 e si è laureato in Filosofia all’Università di Firenze, sotto la guida di Eugenio Garin. Ha poi studiato a Francoforte dal 1971 al 1975. Tra il 1976 e il 1995 ha insegnato Filosofia della politica e Storia delle Dottrine Politiche presso l’Istituto Universitario Orientale di Napoli ed è stato visiting professor in numerose università europee e americane. Attualmente è Professore Ordinario di Filosofia politica e Filosofia teoretica all’Università di Roma Tre, direttore della Fondazione Basso, membro del Collége International de Philosophie di Parigi e Professor honoris causa all’Università di Bucarest. Le sue opere sono state tradotte in diverse lingue e a lui si devono anche varie curatele degli scritti di Friedrich Pollok e Franz Borkenau. Il suo approccio alla filosofia politica, incentrato in particolare sui concetti di potere e catastrofe epocale e forte del lascito di filosofi come Elias Canetti, è confluito in importanti studi, da “Dopo il Leviatano” a “Contro il potere”.

 

Bibliografia

“Potere e secolarizzazione”, Editori riuniti, 1983 (Bollati Boringhieri, 2005)
“L’ordine disincantato”, Editori riuniti, 1985
“Kairos. Apologia del tempo debito”, Laterza, 1992 (2005)
“Cielo e terra”, Laterza, 1994
“Dopo il Leviatano. Individuo e comunità”, Bollati Boringhieri, 1995 (2013)
“Passaggio a Occidente”, Bollati Boringhieri, 2000 (2009)
“Frammento e sistema. Il conflitto-mondo da Sarajevo a Manhattan”, con Angelo Bolaffi, Donzelli,2001
“Minima temporalia. Tempo, spazio,esperienza”, Sossella Editore, 2005
“La passione del presente. Breve lessico della modernità-mondo”, Bollati Boringhieri, 2008
“Contro il potere. Filosofia e scrittura”, Bompiani, 2011

Sito ufficiale 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>