Enrico Fink

Nato a Firenze nel 1969, Enrico Fink si è laureato in Fisica nel 1994, dedicandosi poi alla musica e al teatro. Ha all’attivo produzioni e incisioni che vanno dal jazz alla musica contemporanea, dalla musica di strada alla musica sacra; si è esibito come flautista, cantante, attore e direttore sui palchi più diversi, dal Festival di Sanremo al Quirinale, dalle discoteche a festival internazionali di musica classica. Compone abitualmente per il teatro musicale, e si è esibito in tutte le principali piazze italiane, festival, teatri e sale da concerto. Ha recitato nella compagnia di Moni Ovadia nel 2000 per “Tevye un Mir” e, dal 2002 al 2004, per “Il Violinista sul tetto”. Dal 2003 collabora stabilmente con l’ensemble di musica antica ‘Lucidarium’, con cui si esibisce regolarmente in tutta Europa e negli USA e con cui ha registrato, in Francia, “La Istoria de Purim” per l’etichetta k617. Nel 2005 è uscito invece in Italia “Il ritorno alla Fede del Cantante di Jazz”, in cui Fink si dedica a una rivisitazione in chiave contemporanea di testi e musiche ebraiche di ambito religioso, concentrandosi sul repertorio ebraico italiano; del 2009 è invece il cd “Quasi Live”, dedicato all’attività con il gruppo ‘The Homeless L.I.G.H.T. Orchestra’. Come autore teatrale ha ricevuto il Premio Riccione per il Teatro e in Inghilterra è stato premiato dalla European Association for Jewish Culture. Dirige dalla sua fondazione (2007) l’Orchestra Multietnica di Arezzo, della quale è uscito nel 2009 l’album “AnimaMeticcia” per l’etichetta MaxResearch. A tutto ciò affianca un’intensa attività didattica, tenendo conferenze, workshop e seminari in Italia e all’estero.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>