Carlo Freccero

Carlo Freccero Carlo Freccero (Savona, 1947) è un autore televisivo ed esperto di comunicazione italiano, attuale direttore di Rai 4.

Nei primi anni ottanta è stato direttore dei palinsesti di Canale 5 e Italia 1. Nel 1982 lavora a Rete 4 come curatore della programmazione del canale. Nel 1986 viene nominato da Silvio Berlusconi direttore dei programmi di La Cinq (prima tv privata francese), poi, nel 1991, direttore di Italia 1. Nel 1993 diviene consulente di Rai 1 e l’anno successivo è di nuovo a Parigi come responsabile della programmazione di France 2 e France 3.

Nel 1996 Freccero venne nominato dalla RAI nuovo direttore di Rai 2.

Il 16 aprile 2002 Freccero sarà rimosso dalla direzione di Rai 2 e al suo posto arriverà Antonio Marano in quota alla Lega Nord. Nel 2003 è stato allontanato da ruoli di responsabilità in RAI ma è tornato a lavorarvi, seppure in un ruolo meno visibile, come autore della trasmissione televisiva cult Rockpolitik (ottobre 2005).

Nel 2005 è tra i promotori presso l’Università di Roma Tre di Universytv. Nel giugno del 2007 diventa coordinatore del progetto cultura e della promozione della città della giunta genovese guidata da Marta Vincenzi.

Il 5 luglio 2007 è stato nominato Presidente di Rai Sat, e a febbraio 2008 ha presentato il suo palinsesto. Ha ricoperto la carica di presidente di Rai Sat fino al 18 maggio 2010, dopo l’uscita dei canali di Rai Sat dal pacchetto Sky e il loro nuovo posizionamento nell’offerta Rai per il digitale terrestre.

Dal 14 luglio 2008 è stato nominato direttore del nuovo canale televisivo Rai 4. Il 18 novembre 2009 viene mandato in onda lo spot di un nuovo programma, dal titolo Sugo – sessanta minuti di gusto e disgusto, in cui il direttore di Rai 4 è protagonista, insieme a due trans, di una scenetta irriverente. Ciò crea non poca polemica tra le compagini della Rai e della politica. Ciò avveniva nel pieno dello scandalo che aveva colpito Piero Marrazzo, al tempo Presidente della Regione Lazio, che aveva portato agli onori dei media i temi della prostituzione transessuale.

Nel maggio 2012, in una conferenza stampa indetta durante il Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia, Freccero annuncia ufficialmente la sua candidatura al fianco di Michele Santoro alla guida della RAI, rispettivamente come Presidente e Direttore Generale.

 

Dal 2003 si dedica all’insegnamento alla facoltà di Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo (DAMS) presso l’università di Roma Tre. Tiene corsi di Linguaggi della televisione generalista, Teoria e tecniche del linguaggio radiotelevisivo e Linguaggi della televisione generalista. Insegna anche all’Università di Savona (sua città natale) presso il corso di laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università degli studi di Genova.

Ha inoltre scritto saggi e testi scientifico-divulgativi. Noto situazionista, nel 1997 ha scritto l’introduzione ai Commentari sulla società dello spettacolo di Guy Debord, per l’edizione Baldini & Castoldi, mentre nel 2006 ha scritto la prefazione al volume Queer Tv di Andrea Jelardi e Giordano Bassetti. Freccero è anche autore televisivo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>